autentica

Autentica | Tutto ciò che devi sapere per certificare le tue opere d’arte


autentica

[au-tèn-ti-ca] n.f. – dichiarazione di autenticità; autenticazione.

 

Alla voce “autentica” il dizionario Garzanti online attribuisce una sintetica e incisiva definizione che, tuttavia, non lascia adito a fraintendimenti e arriva immediatamente al punto anche senza fare esempi pratici.

L’autentica è, infatti, un certificato di autenticità che attesta la paternità e l’originalità di un’opera d’arte. Essa dovrebbe sempre e comunque accompagnare l’opera nel momento della vendita e può essere rilasciata sia dall’artista stesso che da persone ritenute autorevoli in materia (gallerie, fondazioni e critici d’arte, per esempio).

Il primo caso è il più frequente e anche quello con maggior validità a livello legale. Secondo quanto specificato all’interno della legge sul diritto d’autore (l. 22 aprile 1941 n. 633, LdA) in Italia non esiste una procedura ufficiale per autenticare le opere d’arte: in caso di artista vivente sarà lui stesso a detenere tutti i diritti e, in caso di morte, questi passeranno ai suoi familiari che si presuppone conoscano in maniera approfondita il suo stile e la sua produzione.


autentica


All’interno di un’autentica non devono assolutamente mancare la riproduzione fotografica dell’opera e la dichiarazione sottoscritta da parte del soggetto certificatore, unitamente ad altre preziose informazioni sull’opera certificata, come ad esempio nome dell’artista, titolo, anno di realizzazione, dimensioni, materiali, numero di copie ecc.

Come afferma l’avvocata Angela Saltarelli in un’intervista pubblicata su Collezione da Tiffany, «L’autenticità costituisce probabilmente per il collezionista la qualità più importante di un’opera d’arte. Il rilascio dell’autentica attesta che un’opera abbia un certo valore artistico, attribuendone la paternità ad un determinato artista. Tuttavia, l’autentica ha un valore duplice: sia artistico, sia economico. Infatti, l’assenza di tale documento comporterà una svalutazione del valore dell’opera, al momento della successiva vendita».


Scopri le altre parole del Glossario di ZirArtmag

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *