feminist art coalition

Feminist Art Coalition | Una rete a supporto di arte e femminismi contemporanei


ita | eng

Nata nel 2017 da un’idea di Apsara DiQuinzio – Senior Curator of Modern and Contemporary Art presso l’UC Berkeley Art Museum e Pacific Film Archive (BAMPFA) – la Feminist Art Coalition unisce arte e attivismo in una rete che coinvolge le istituzioni artistiche e che opera a sostegno delle pratiche femministe.


Al momento dell’annuncio della sua costituzione avevano aderito alla Feminist Art Coalition circa 50 organizzazioni ed ora il numero è quasi raddoppiato, includendo realtà attive su tutto il territorio degli Stati Uniti, a livello locale, statale e nazionale.

Il progetto, inaugurato all’indomani della Women’s March del 21 gennaio 2017, incoraggia la conoscenza dei femminismi contemporanei e dal momento della sua creazione ha accolto la partecipazione di oltre 90 istituzioni che progettano e programmano mostre ed eventi su tematiche oggi più che mai attuali, con l’obiettivo di generare riflessioni e innescare cambiamenti importanti all’interno della società e del mondo dell’arte.

Supportata e finanziata dalla Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, la FAC aveva programmato numerosi eventi per il 2020, purtroppo rimandati a causa dell’emergenza sanitaria globale: tra questi, anche una mostra curata dalla fondatrice Apsara DiQuinzioNew Time: Art and Feminisms in the 21st Century – riprogrammata dal 25 agosto 2021 al 30 gennaio 2022.


feminism art coalition
Linda Stark: Stigmata , 2011; olio su tela su tavola; 36 x 36 pollici .; BAMPFA

 

«Ci sono molte definizioni diverse per il femminismo, sia passato che presente, quindi FAC preferisce metterlo al plurale. Il femminismo non è più un concetto singolare, ma abbraccia e comprende molte diverse forme di pensiero e approcci al cambiamento culturale» | FAC

Non solo mostre ed eventi fisici

Oltre alle mostre e alle collaborazioni in continuo aggiornamento, sulla piattaforma della Feminist Art Coalition è possibile fruire di numerose risorse online tra cui saggi, video dedicati agli artisti e al loro lavoro, consigli di lettura su libri che parlano di connessioni tra arte e femminismi e citazioni a tema.

I saggi – commissionati dalla stessa FAC a scrittori, artisti ed educatori – sono disponibili per il download: al momento comprendono i contributi di Jack Halberstam, Saidiya Hartman, Peggy Phelan e Trinh T. Minh-ha ma Notes on Feminisms è una collana in continua evoluzione e col tempo sarà di sicuro ulteriormente incrementata.


feminist art coalition
Notes on Feminisms – FAC

Gli intenti della Feminist Art Coalition

La Feminist Art Coalition «prende il pensiero e la pratica femminista come punto di partenza e considera l’arte un catalizzatore per il discorso e l’impegno civico». Come si legge sul sito ufficiale del progetto, «Motivati ​​dall’imperativo etico di attuare il cambiamento e promuovere l’uguaglianza all’interno delle nostre istituzioni e oltre, questi progetti collettivi sosterranno un accesso inclusivo ed equo alle risorse sociali, culturali ed economiche per le persone di tutti i generi, sessualità, razze, etnie, classi, età e abilità. Questo sforzo cooperativo mette in scena una serie di progetti che insieme generano uno spazio culturale di impegno, riflessione e azione, pur riconoscendo la costellazione di differenze e molteplicità tra i femminismi».


Scopri di più sul progetto visitando il sito ufficiale o rimani aggiornato seguendo la Feminist Art Coalition su Instagram (@feministartcoalition)

Leggi le altre Curiosità di ZìrArtmag

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *