jean rené

Jean Renè | Quella volta che la piramide del Louvre sprofondò nel sottosuolo


Jean René, conosciuto sotto lo pseudonimo JR è un artista, attivista e fotografo francese. Proveniente dal graffittismo delle banlieu parigine, il suo impegno sociale si è evoluto grazie alla sua fotografia positiva e propositiva.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JR (@jr)


Dopo aver trovato una fotocamera dimenticata in metropolitana, inizia a documentare la sua quotidianità underground tra tetti e gallerie di Parigi. Appassionato di persone e ritratti, grazie alle sue fotografie e alla sua cabina fotografica ambulante, JR gira il mondo scattando, stampando e incollando i suoi lavori sui muri delle città, raccontando le storie di migliaia di persone.

I suoi progetti partecipativi gli hanno valso riconoscimenti anche da parte dell’UNESCO e oltre alle affissioni delle sue stampe in mezzo mondo ha realizzato film e documentari in collaborazione con il New York City Ballet, Agnes Varda e Robert de Niro.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JR (@jr)


Nel 2019 ha realizzato un’installazione composta da migliaia di m2 di collages che ha ricoperto l’intera piazza del Louvre, creando un trompe-l’oeil in cui il museo sembra sprofondare nella piazza stessa, in totale contrapposizione con un’altra opera realizzata nel 2016 in cui la Piramide si confondeva invece con il resto della piazza. Rimasta fruibile per poche ore, l’installazione gli è stata commissionata per il 30esimo anniversario del Louvre.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JR (@jr)


Tra le sue numerose collaborazioni spicca Refettorio, un ristorante pensato da Massimo Bottura, il quale ha dato vita nella chiesa della Madelaine ad un locale che ospita unicamente e gratuitamente persone in evidente difficoltà economica e che vengono serviti da un gruppo di volontari composto da diversi chef stellati. I progetti di JR trattano in maniera ironica e provocatoria le contraddizioni e le ingiustizie sociali, regalando a tutti la possibilità di raccontare la propria storia e di propagarla attraverso le affissioni e i canali social dell’artista, che vanta milioni di followers.


Scopri di più sul sito dell’artista, attivo anche su Instagram come @jr.

Leggi le altre Curiosità di ZìrArtmag

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *