ash keating

Ash Keating | Oltre 170 tipi di estintori per i suoi murales

ita  | eng

Ash Keating ha esordito nel 2004 a Melbourne, Australia. Le sue creazioni hanno girato il mondo andando in Cile, Corea, Giappone, Indonesia e Nuova Zelanda fino a consacrarlo nel panorama artistico contemporaneo.


L’artista australiano iniziò a dipingere quando era ragazzo scoprendo così la sua passione per l’arte che, grazie alla perseveranza e al duro lavoro, è diventata man mano un mestiere vero e proprio.

Ora, col suo fazzoletto annodato sulla bocca, gli occhiali da sole e il berretto sporchi di colore, può dare sfogo al suo estro: “Faccio un tipo di arte che ha la capacità di mandare un’idea di positività a chiunque lo guarda”.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ash Keating Studio (@ash_keating)


La particolarità della sua arte? L’uso di estintori riempiti di colore, capaci di spruzzare un miscuglio di vernici colorate e acqua. Una tecnica che permette una colorazione veloce di grandi superfici: il tutto poi viene reso più interessante dall’uso naturale della gravità che fa gocciolare il colore.

Questi murales diventano delle enormi tavolozze dove poter sperimentare coi colori: l’opera non nasce da uno schema preimpostato ma si crea man mano che il colore viene lasciato sulla parete: 

 

Ogni volta che comincio a posizionare il colore in alcuni punti, posso capire dove i colori devono andare in relazione a quello” | Ash Keating


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ash Keating Studio (@ash_keating)


In alcuni murales l’artista utilizza anche l’acqua per creare una sensazione di fusione e gocciolamento. In altri, invece, decide di non andare oltre la sua altezza fisica e di non completare gli “spruzzi”; un modo per incentivare anche la fantasia di chi guarda, spingendo l’osservatore a “saltare” oltre il bordo del murales e guardare oltre, cercando di completare con la propria sensibilità l’immagine proposta.

L’opera di Keating è un modo per dare colore alle zone grigie della città, come nel caso di Gravity System Response (2018) in cui l’artista rispose a un progetto legato alla città di Sydney dedicato alla sensibilizzazione sui problemi della salute mentale ricevendo una commissione per riempire un muro di 90 metri in un tunnel dietro la ferrovia.

I colori usati vogliono dare l’idea di una ricchezza interiore fatta di giochi di luce e angolazioni, grazie alle quali ogni angolo è diverso dall’altro: permettono di prendersi una pausa dalla frenesia della vita quotidiana per godere della bellezza dei vari colori presenti nei suoi murales.


 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ash Keating Studio (@ash_keating)


Ash Keating ha anche realizzato una performance in collaborazione con una galleria, Escape from tag mountain (2008), in cui presentò una collezione di scarti di etichette per abiti e rotoli di fili raccolti nelle strade secondarie di una piccola area industriale a Seoul.

Un’opera interamente biografica dedicata al fatto di essere nato in un mondo votato al consumismo e allo spreco senza pensieri. Ecco che ancora una volta l’arte contemporanea esce dalle pareti e dalle stanze dei musei per occupare gli spazi più grigi delle città passando un massaggio semplice ed efficace: abbandonare il consumismo a cui siamo abituati per godere della semplicità di cui spesso ci dimentichiamo.


Scopri di più sul sito dell’artista, attivo anche su Instagram come @ash_keating.

Leggi le altre Curiosità di ZìrArtmag

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *