irene faranda

Interviste Illustrate | Irene Faranda


Le illustrazioni di Irene Faranda ti consentono di perderti nei meandri della fantasia, di esplorare le più piccole stanze del cuore. Ti prendono per mano e ti accompagnano, silenziose, alla scoperta di qualcosa che è sempre stato tuo e che, forse, non avevi ancora scoperto, o addirittura avevi dimenticato. Può trattarsi di un’emozione, di un momento strappato alla routine quotidiana o di un ricordo, ma stai pur certo che in quei pochi tratti potrai facilmente riconoscerti.

Quella di Irene è poesia per immagini. Un incessante racconto della sua condizione interiore, una finestra sul quotidiano attraverso la quale l’artista traduce in segno e colore sentimenti universalmente condivisi. Una volta elaborato o sentito, l’artista traccia senza esitazione le forme del suo pensiero, imprime le emozioni e le mostra al mondo servendosi di uno stile didascalico e romantico, che lascia largo spazio all’immaginazione.


Self portrait: descriviti in un’illustrazione!

 

irene faranda


La giovane artista studia Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia. Su di sé afferma: «Mi affascina ciò che io amo definire “resistenza”. Stéphane Hessel scrive “Creare è resistere. Resistere è creare”. Creare è per me la miglior forma di resistenza al “brutto”. Sono atti di gentilezza e di resistenza quelli che ricerco costantemente nelle mie giornate e che racconto nei miei lavori».

Che cosa ci avrà raccontato quest’artista dall’animo gentile? Ecco le illustrazioni che Irene Faranda ha realizzato per la sua Intervista Illustrata!


1 | Dove (o in cosa) trovi ispirazione?

 

irene faranda

 

I.F: «Traggo ispirazione principalmente dalla mia quotidianità, da piccoli gesti e piccole cose, dall’amore che ogni giorno ricevo e soprattutto dalle mie altalenanti emozioni».


2 | I versi di una poesia (o canzone) che ami particolarmente

 

irene faranda

 

I.F: «Alla poesia e alla canzone preferisco senza dubbio la prosa, quella immediata, fatta di pochi fronzoli. Il mio mantra è opera di Calvino: “Prendete la vita con leggerezza, ché leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore. In musica lo ritrovo tra le parole di Brunori Sas “vivere come volare ci si può riuscire soltanto poggiando su cose leggere“».


3 | Che aspetto ha il luogo a cui ti senti più legata? 

 

irene faranda

 

I.F: «Le mie origini appartengono alla pianura e in parte al mare ma il luogo a cui sono più affezionata sono le colline, in particolare quelle toscane. Qualche anno fa feci un viaggio in bicicletta, senza alcuna consapevolezza, senza l’equipaggio adatto e senza una preparazione fisica all’altezza. Le colline toscane mi hanno insegnato a non prendermi troppo sul serio, a non tirarmi indietro difronte alle difficoltà e soprattutto che posso affrontare ogni cosa»


Per ulteriori informazioni visita il sito dell’artista, attiva anche su Instagram come @la_faranda.

Leggi gli altri MTA

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *