fine art photography

Fine Art Photography | Top #3 of the week


Protagonista di questa settimana è la Fine Art Photography e, nello specifico, parliamo di tre progetti fotografici realizzati da tre artisti attivi su Instagram che fanno della pellicola la propria tela. Christian Tagliavini, Giulia Valente e Justine Tjallinks ci portano in un viaggio ispirato al mondo dell’arte che acquisisce forme differenti grazie ad un incredibile lavoro di produzione e post-produzione fotografica.

Eleganza, raffinatezza e attenzione ai dettagli sono le caratteristiche comuni tra le opere di questi tre straordinari fotografi che si ispirano alla pittura, mixano competenze diverse e rielaborano l’antico in chiave contemporanea.


@christiantagliavinifotografie

 

Chi conosce le storie dei protagonisti di Circesque? Nessuno e forse tutti. La serie, realizzata da Christian Tagliavini, si discosta dai suoi precedenti lavori; a differenza di questi ultimi, non è possibile collocare in un periodo o in un luogo preciso i personaggi delle sue fotografie ma solo immaginare da dove essi provengano e quali possano essere le loro vite.

Le fotografie di Circesque sono veri e propri “ritratti di scena”, profondi focus sulle emozioni e sui sentimenti degli artisti spogliati dei cliché legati alla vita e all’immaginario circense. A primo impatto potrebbero sembrare una narrazione sul circo, sulle sue discipline, sulla sua misteriosa bellezza. Invece, con occhio più attento, si scopre che acrobati, trapezisti e giocolieri invitano lo spettatore a raccontare in prima persona le loro storie, a perdersi nell’universo umano spesso celato dal contesto e dalle maschere.

I costumi e gli oggetti di scena, confezionati quasi interamente dallo stesso Tagliavini, completano le composizioni e permettono all’osservatore di immergersi nel flusso costante di magia e meraviglia che connota il tradizionale immaginario del circo.

Per sapere di più sul progetto, realizzato nel 2019 e attualmente in mostra a Berlino, non vi resta che consultare il sito ufficiale di Christian Tagliavini.

 


@justinetjallinks

 

Attraverso la fotografia Justine Tjallinks focalizza l’attenzione sulle peculiari caratteristiche di ogni essere umano. Ispirandosi ai maestri del passato, i suoi ritratti catturano l’unicità dell’individuo riprendendo numerosi dettagli formali della pittura a cavallo tra XVI e XX secolo, rielaborati con un approccio contemporaneo e uno stile assolutamente riconoscibile.

Lo sguardo degli effigiati è quasi sempre rivolto allo spettatore, proprio come accade nel ritratto intitolato Glory (Flora), parte della serie ispirata alla pittura di Gerald Leslie Brockhurst (1890-1978): occhi profondi, velati di malinconia, sono uno dei segni distintivi della produzione della giovane artista.

Per scoprire di più su Justine Tjallinks potete fare un salto anche sul suo sito ufficiale

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Justine Tjallinks (@justinetjallinks)


@julyhendrix

 

Da sempre affascinata dalle arti figurative, Giulia Valente trova nella fotografia una preziosa alleata per realizzare i suoi ritratti senza mai rinunciare ad un’impostazione pittorica.

In particolare, l’artista padovana si lascia trasportare dalla pittura italiana e fiamminga del XV-XVI secolo – dalla quale trae ispirazione per luci e colori – rielaborandone in chiave contemporanea le caratteristiche salienti; per la sua ricerca ama anche volgere lo sguardo al cinema e alla musica, in un flusso costante di spunti e idee che poi trovano spazio nella sua produzione fotografica.

Nella sua ultima serie, intitolata Precious Dreams, spicca questo meraviglioso ritratto: Behind the mirror – insieme a Voices e The Guest – racconta la storia di una regina sognante, immortalata in abiti d’epoca rosso fuoco, all’interno di un elegante salotto. Alle sue spalle una moltitudine d’occhi guarda fuori dal quadro, in direzione dello spettatore.

Questi meravigliosi occhi, ispirati alla moda dei Lover’s Eye (fine 1700), provengono direttamente dal Rijksmuseum di Amsterdam e sono stati aggiunti dall’artista con un minuzioso lavoro di post-produzione. Per scoprire di più sul progetto ecco il link al sito ufficiale di Giulia Valente!

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulia Valente (@julyhendrix)


P.S: Sei un artista e promuovi le tue opere su Instagram? Potresti far parte anche tu della Top #3 of the week: utilizza l’hashtag #zirartmag sotto i tuoi post ed entra a far parte della nostra community!

Scopri le altre Top #3 di ZìrArtmag

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *