anastasia lemberg lvova

Anastasia Lemberg-Lvova | Raccontare il valore di ogni singolo individuo

Impegno sociale e arte sono i due ambiti in cui Anastasia Lemberg-Lvova, giovane artista emergente di base a Tallinn (Estonia), si muove quotidianamente. Non dobbiamo però immaginarli come due settori totalmente indipendenti e paralleli: essi si intersecano, si contaminano di continuo nella vita della Lemberg-Lvova; sono l’uno essenziale per l’altro, forma e colore di uno stesso pensiero.

Anastasia è nata a Mosca e si è trasferita in Estonia nel 2005; per anni ha vissuto e lavorato in diversi paesi europei, conseguendo una laurea presso l’Académie royale des beaux-arts de Liège (Belgio), e proseguendo la sua formazione artistica tra Paesi Bassi ed Estonia. Si dedica alle arti visive e al design e, ben presto, inizia a partecipare a progetti di gruppo e mostre collettive; le sue opere, passo dopo passo, arrivano anche in Francia, Regno Unito e Russia.


anastasia lemberg-lvova
©Anastasia Lemberg-Lvova, Pearce, 90×90 cm, olio su tela – Courtesy of the artist

 

L’artista, attiva da dieci anni nell’European Youth Parliament (EYE), si muove su diversi fronti mettendo in campo le sue capacità e una grande determinazione, lottando contro gli stereotipi e gli abusi, schierandosi per la tutela dell’ambiente e la promozione delle energie rinnovabili, sostenendo le iniziative dell’EYE e viaggiando instancabilmente. Sono tantissime le prospettive e gli orizzonti della Lemberg-Lvova la quale, nonostante qualcuno abbia provato a farle cambiare idea, porta avanti il suo progetto di arte e impegno sociale in cui l’importanza dell’individuo – dell’essere umano nella sua unicità – è sempre centrale.

«Ho fiducia nell’impegno sociale attraverso l’estetica e le infinite possibilità dell’arte. Voglio che il mio lavoro metta in discussione le percezioni che si formano intorno al valore e al potenziale di un individuo. Esso è perennemente scoraggiato dal credere di avere un valore o un impatto [all’interno della società, ndr]. Voglio dipingere, costruire, progettare e dare vita a domande che permettano allo spettatore di rivalutare le credenze dannose su se stesso e di immaginare alternative diverse, più positive».


anastasia lemberg-lvova
©Anastasia Lemberg-Lvova, Come here, 145×145 cm, oil on canvas – Courtesy of the artist

 

Anastasia lavora con la tecnica ad olio, con l’illustrazione e con il digitale, scegliendo tecniche e medium a seconda del progetto che si trova a sviluppare. I suoi ritratti dai colori intensi e vibranti si focalizzano sull’essenza della persona effigiata collocandola sopra uno sfondo pieno, di un unico acceso colore, che ne esalta i tratti e ne rimarca la bellezza. Il fondale a tinta piatta accompagna l’individuo e lo lascia emergere in tutta la sua unicità, sia fisica che psicologica.

In questo modo l’artista unisce l’estetica della pittura figurativa al concetto fondante della sua produzione: l’immagine non è più stereotipo o idealizzazione della figura umana, ma veicolo per la rivalsa dell’individuo sulla società generalizzante. Estrapolato da caotici contesti e sospeso all’interno di “finestre” dense di colore, ogni essere umano dipinto dalle mani di Anastasia è spinto a riprendere coscienza del proprio valore, della propria forma e della propria, irripetibile e insostituibile, bellezza.


anastasia lemberg lvova
©Anastasia Lemberg-Lvova, Dark, 120×120 cm, oil on canvas – Courtesy of the artist

 

Unicità vs generalizzazione delle masse: l’obiettivo dell’artista è quello di coinvolgere lo spettatore in una multiforme riflessione sul valore di ogni singola persona ritratta e, al contempo, su una percezione di sé spesso alterata o distorta dalle convenzioni e dai canoni estetici della società in cui viviamo. Anastasia sarebbe dovuta venire in visita in Italia nei mesi di marzo-aprile 2020 ma, a causa della pandemia, non le è stato possibile viaggiare. Ha deciso, dunque, di realizzare un’opera per sentirsi vicina al nostro paese e ricordare uno dei luoghi che ama di più: Revoltella and the blond, omaggio al Museo Revoltella di Trieste, immortala una giovane donna intenta a salire lo scalone dell’edificio con il naso all’in su, lo sguardo perso nella meravigliosa cornice del palazzo un tempo dimora del Barone Revoltella.


anastasia lemberg-lvova
©Anastasia Lemberg-Lvova, Revoltella and the blond, 220×150 cm, oil on canvas – Courtesy of the artist

 

Per ulteriori informazioni visita il sito dell’artista, attivo anche su Instagram come @pleokroism.

Leggi gli altri MTA

Seguici anche su: Facebook e Instagram


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *