maurizio anzeri

Maurizio Anzeri | Legare al volto gli (in)visibili colori dell’animo

Maurizio Anzeri nasce a Loano nel 1969; giovanissimo – appena diciassettenne – si trasferisce a Londra: qui consegue una formazione in grafica e scultura, dapprima frequentando il Camberwell College of Arts BA e successivamente approdando alla Slade School of Fine Art. Fin da subito capisce di poter arrivare lontano, sfruttando al meglio le possibilità che questa metropoli cosmopolita e i suoi substrati culturali potevano offrirgli.

Nel corso della sua lunga carriera i riscontri positivi non sono mancati: dalle numerose mostre - personali e collettive - in giro per il mondo, alle collaborazioni con grandi nomi della moda come Alexander McQueen e Isabella Blow, fino ad arrivare alle collezioni conservate presso eccellenti gallerie e istituzioni museali come la V&A Photography Collection, la Saatchi Collection, la Fondazione Agnelli e la Gagosian Collection.

Maurizio Anzeri realizza opere in tecnica mista, partendo da vecchie fotografie – la sua più grande passione e oggetto da collezione – sulle quali interviene utilizzando ago, filo e, talvolta, capelli. L’artista ricama i volti degli ignari protagonisti delle sue creazioni dando vita a possibili universi in movimento, indagando i linguaggi del visibile, conferendo forma e colore alle sensazioni che si scatenano lungo tutto il processo creativo. Con i capelli - materiale che lui stesso individua come il più scultoreo di tutti - immagina abiti, installazioni, oggetti e linee fortemente influenzate dal design.


MONO NO WARE, il video realizzato da C'mon Tigre in collaborazione con Maurizio Anzeri


Effettua il login per continuare a leggere


Per ulteriori informazioni visita il sito ufficiale dell’artista.

Leggi gli altri MTA


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

s2Member®